Navigation Menu+

Canes in pasta di zucchero – Lezione 1: foto e video

Posted on 27 Nov 2013 by in Tecniche, Tutorial | 14 comments

Fiore semplice con una sfoglia sfumata (skinner blend)

Buongiorno a tutti!

Come forse alcuni di voi sapranno, io realizzo gioielli e altri oggetti con le paste sintetiche termoindurenti. Una delle tecniche che prediligo è quella delle canes: bastoncini decorati all’interno, il cui disegno si ripresenta in ogni “fettina”. In altre parole, la tecnica delle murrine, tanto antica quanto bella!

Qualche mese fa ho deciso di sperimentare questa tecnica sulla pasta di zucchero, e i risultati mi sono piaciuti così tanto che ho deciso i mettervene a parte, sperando che questa tecnica possa piacere anche a voi 🙂

Ecco degli esempi di quello che si può ottenere: biscotti, mini cakes, segnaposto e decorazioni varie per torte

Come sempre, vi descriverò sinteticamente la tecnica lasciando alla sequenza fotografica il compito di spiegare al meglio la procedura.

In aggiunta, alla fine del post trovate un video con il fiore realizzato “con le mie mani” 🙂

Occorrente

Per questa tecnica occorrono pochissimi attrezzi:

  • un bisturi;
  • un righello;
  • un matterello piccolo con le guide per il controllo dello spessore;
  • un set di lame da 3 (le due lame lisce sono davvero indispensabili, quella ondulata non è fondamentale)
  • uno spiedino;
  • una bella dose di pazienza 🙂

Detto questo, possiamo iniziare!

Preparare una skinner blend, ossia una sfoglia sfumata, a due colori, partendo da due sfoglie spesse circa 0,5 cm.

Per ottenere questo spessore, utilizzare le guide più alte per il matterello e poi ripiegare la sfoglia ottenuta.

Tagliare due triangoli e affiancarli; stendere e ripiegare la sfoglia su sè stessa per due o tre volte; ruotare la sfoglia di 90 gradi e allungare la sfumatura.

Ecco la skinner blend pronta per essere trasformata in un cilindro dal cuore più chiaro.

Tagliare un rettangolo e arrotolare la sfoglia partendo dalla parte più chiara: in questo modo, si otterrà un cilindro più chiaro al centro e più scuro sui bordi.

Ricoprire il cilindro con una sfoglia più scura e iniziare la “riduzione“.

La riduzione di una cane consiste nello schiacciamento e contemporaneo allungamento del cilindro di partenza, che ci consentirà di ottenere un cilindro sottile, dal disegno definito, da tagliare e utilizzare per comporre l’oggetto finale.

Questa è certamente la fase più delicata perchè si deve fare attenzione a non deformare il disegno interno durante l’allungamento.

Per ottenere il risultato migliore, il cilindro deve essere schiacciato gradualmente dal centro verso i bordi, rotolando ogni tanto solo per uniformare ma non per allungare. Un rotolamento eccessivo, infatti, è spesso causa della deformazione del disegno.

Ecco perchè vi dovete munire di tanta pazienza 🙂

Una volta ottenuto un clindretto del diametro di circa 1 cm e di circa 18 cm di lunghezza, ridurlo in 6 parti uguali che costituiranno i petali dei fiori.

Pizzicare ogni petalo e formare il fiore.

Preparare dei rettangoli di psta chiara da inserire tra i petali

Rivestire il fiore con una sfoglia dello stesso colore dei rettangoli e poi accentuare la separazione tra i petali con uno spiedino.

Ridurre il cilindretto avanzato dal taglio dei petali in modo da ottenere un cilindro molto sottile, da tagliare e inserire tra i petali.

Rivestire il fiore ancora una volta con la pasta chiara che costituirà lo sfondo del disegno.

Procedere nuovamente con la riduzione della cane come già descritto.

Ecco il fiore all’interno della cane, che potrà essere affettata per ottenere le decorazioni che vi suggerirà la vostra fantasia 🙂

Per affettare una canes è necessario utilizzare la lama più sottile (che è anche flessibile e consente di ottenere tagli più o meno curvi).

Le fettine sottili possono essere attaccate su una sfolgia e schiacciate delicatamente con il matterello, in modo da inglobarle nella sfoglia stessa.

Gli scarti possono essere tagliati e affiancati per ottenere disegni più astratti.

Una parte della stessa cane può essere ulteriormente ridotta per ottenere lo stesso disegno ma di dimensione inferiore.

La cane può essere divisa in 4 parti che, affiancate, possono formare un motivo quadrato o rettangolare.

Gli scarti possono anche essere utilizzati per ottenere un motivo a strisce (basato sulla tecnica delle Candy canes, stendendo con il matterello la cane otenuta)

La fantasia farà il resto!!!!

Le forme ottenute possono essere utilizzate come decorazione per biscotti, per rivestire mini cakes, per creare dei segnaposto, ecc.

E se questa tecnica vi piace, continuate a seguirmi e scoprirete come ottenere decorazioni più complesse come queste!

Video

Sperando che questo tutorial vi abbia almeno incuriosito, resto in attesa dei vostri commenti e vi aspetto per la prossima lezione!

Alla prossima!!!

Laura

14 Comments

  1. grazie del tutorial è stupendo vorrei tanto imparare, io sono una che di pazzienza ne ha ma qui oltre alla pazienza ci vuole anche tanta fantasia e mi sa che tu ne hai da vendere. un consiglio se mi posso permettere dovresti fare un bel video e publicarlo. sei veramente fantastica.

    • Grazie a te, Paola, per i complimenti. Sono contenta che ti piaccia questa tecnica perchè a me piace moltissimo. E’ vero che ci vuole tanta fantasia, e io ne ho :), ma d’altro canto, io condivido con voi tutto quello che faccio in modo che, chi non ne ha tanta, possa prendere spunto 🙂
      E a proposito del tuo consiglio, certo che ti puoi permettere, e hai perfettamente ragione, un video è davvero indispensabile, il problema è solo il tempo, ma cercherò di trovarlo.
      Grazie ancora
      Un abbraccio
      Laura

      • sei bravissima,

        • oltre a essere bravissima sei anche disponibile a farci vedere i tuo tutorial . grazie.

        • Grazie mille. Anna, sono contenta che il mio lavoro ti piaccia! Ho visto che hai inserito il commento due volte perchè, a causa della gente che non ha niente da fare e pubblica commenti contenenti schifezze di ogni genere, purtroppo sono costretta a verificarli prima di approvarli, e quindi non si vedono appena inseriti ma solo dopo la mia approvazione, cosa che in genere riesco a farlo nell’arco della giornata.
          Ti ringrazio ancora e ringrazio tutti per la pazienza 🙂
          Laura

  2. Nossa é maravilhosa a sua técnica!! Parabéns.

    • I’m very glad you like it, so, stay tuned because I’ll publish new creations with this technique!
      Thanks again!

  3. Ciao Laura..a dire poco sono rimasta meravigliata da questa tecnica!!!!me ne sono innamorata :-).grazie alle tue spiegazioni e grazie anche al tutorial!!!
    oggi ho fatto una prova veloce tanto per vedere.. ti posso chiedere che pasta di zucchero hai usata? se per modelling oppure per copertura??io vorrei fare dei fiorellini impressi nella sfoglia con quale ricopro la torta quindi dici che è meglio usare la pasta da copertura anche per le canes??poi tra le varie parti bisogna inumidire un pochino o sta tutto insieme anche senza?
    scusa tante domande ;-)..e spero tanto in una risposta..
    GRAZIE E COMPLIMENTI PER LA TUA BRAVURA!!!!!!!!

    • Ciao Janina, scusami se ti rispondo solo oggi, ma il lavoro in questi giorni mi tiene molto impegnata. Cmq, passo a rispondere alle tue domande: la pasta di zucchero migliore per le canes è la pasta da modelling perchè tiene meglio la forma, mentre per coprire la torta devi usare quella di copertura. Comunque, se la pasta di zucchero da copertura che usi non è troppo morbida e se non fa troppo caldo nell’ambiente in cui lavori, allora puoi anche usarla. In questo post io ho usato quella da copertura. Non so se hai guardato le altre tre lezioni sull’argomento perchè credo di aver specificato quello che qui ti ho sointetizzato, con qualche dettaglio in più sulla pasta che ho utilizzato. Nella quarta lezione c’è il video sulla canes a forma di rosa realizzata in tempo reale. Inoltre, se questa tecnica ti piace proprio, forse ti piacerà il tutorial in vendita nell’area shop 🙂
      Grazie mille per i complimenti e buona serata.
      Laura

      • grazie mille Laura :-)!!!
        ho visto che nelle altre lezioni era specificata la pdz da modelling, ma nella prima no allora volevo essere sicura :-).ho guardata anche la rosa che è fenomenale ma prima devo imparare questa semplice ;-)..poi di sicuro proverò anche altre tecniche!!!se ti dico che me le sognavo anche di notte ti basta per capire :-)??domani provo.poi magari, se posso, ti mando la foto del risultato così saprai dirmi come è andata..sono molto curiosa del risultato!!!!un abbraccio e ancora grazie
        PS: se mi esce bene di sicuro valuterò anche la possibilità di acquisto di un tutorial!!

        • Ciao Janina, sono proprio contenta che questa tecnica ti piacci perchè, lo avrai capito da ciò che scrivo nei post, è la mia preferita (anche per i bijlux che realizzo :)), e presto vi farò vedere delle altre proposte interessanti. Grazie ancora e buona giornata
          Laura

  4. sono entrata nel mondo del cake designe da 5 mesi visto ke da autodidatta mi riuscivano le cose ho cominciato a frequentare corsi ..questa tecnica per me e’ nuova e mi affascina tanto sei bravissima ke dire …la pasta di zucchero dopo degli eventi negativi nella mia vita mi ha portato gioia e serenita’ e’ stato come una terapia per me …brava brava ankora brava spero di riuscirci e’ davvero un bell effetto

  5. Ciao Laura, mi chiamo Antonella mi sono appassionata al cake designe tre anni fa. Curiosando su youtube ho visto un tuo video, ho provato a realizzare la tua rosa e anche se nn è perfetta sono contenta del risultato. Ho un problema …..nn riesco a trovare le lame che usi x tagliare xchè ho provato con un coltello, che x quanto sia affilato, tende a schiacciare la pasta. Dove o da chi posso trovarle? Ti ringrazio

    • Ciao Antonella, sono contenta che il post ti sia piaciuto, perché questa è una delle mie tecniche preferite che normalmente si applica ai bijoux. Le lame sono della Staedtler e le puoi trovare online su Amazon.it o ebay.it, basta digitare “set lame per Fimo”. A volte si possono trovare nei negozi di hobbystica o di belle arti ma, ad esempio, qui a Bari non si trovano. Spero di esserti stata utile. A presto
      Laura

Leave a Reply to myriam Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google"). Google Analytics utilizza dei "cookies", che sono file di testo che vengono depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web da parte Vostra (compreso il Vostro indirizzo IP) verranno trasmesse a, e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non assocerà il vostro indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google. Potete rifiutarvi di usare i cookies selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser. Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità e i fini sopraindicati. Inoltre questo sito utilizza Google Adsense come sistema di pubblicità per supportare le spese di manutenzione. Google Adsense è un servizio fornito da Google Inc. e utilizza cookie per pubblicare annunci sulla base delle precedenti visite dell'utente al nostro sito web. Google Adsense utilizza anche cookie DART per consentire a Google e ai suoi partner di pubblicare annunci in base alle visite di questo sito e di altri siti Internet. Per saperne di più e per disattivare tali cookie per gli annunci pubblicitari potete visitare la pagina per la disattivazione delle pubblicità di Google oppure potete visitare http://www.aboutads.info/choices/ per disattivare le pubblicità di Google e di altri fornitori. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi