Brioche

Versione senza lattosio

Utilizzare la ricetta della Pasta brioche light con le indicazioni per gli intolleranti al lattosio.

Per questa ricetta preparare l’impasto per la Pasta brioche o la Pasta brioche light e seguire il procedimento fino alla seconda lievitazione.

Dopo la seconda lievitazione, tagliare la pasta in 20 pezzi e farne delle palline, avendo cura di non schiacciarle (io prendo i bordi e li chiudo come fosse un sacchetto, e poi dispongo le palline con la chiusura sotto).

Terza lievitazione in forma
Disporre le palline nello stampo imburrato, a circa 1 cm l’una dalle altre (come per il Danubio) oppure ben distanziate per avere delle brioche singole; coprire e lasciare lievitare per 2 ore circa (raddoppio del volume). Spennellare con il tuorlo diluito con un cucchiaino di acqua e cuocere in forno a 160° per circa 25 minuti.

Nota. Durante la cottura inserire un contenitore con poca acqua che, evaporando, manterrà il giusto grado di umidità e l’impasto risulterà soffice.

Naturalmente, possono essere cotte in stampi singoli, sormontate da una piccola pallina, come le più classiche brioche francesi.

Lievitazione rallentata

È anche possibile eseguire la lievitazione rallentata in frigorifero, diminuendo ancora la dose di lievito. In questo caso, eseguire la prima lievitazione, sigillare e mettere in frigorifero (a circa 4°) per circa 7-8 ore (ad esempio, per una notte), e poi proseguire come descritto; oppure, mettere in frigorifero la preparazione già in forma prima dell’ultima lievitazione e, una volta estratte dal frigorifero, farle lievitare fino al raddoppio e poi infornare.

Procedimento a mano

In mancanza del robot, si può impastare a mano seguendo la stessa sequenza di operazioni ma lasciando da parte.
Quando l’impasto sarà ben amalgamato ed elastico, aggiungere l’olio e, invece di lavorare con la tecnica classica di impastamento, sollevare e sbattere la pasta con forza, senza aggiungere farina. All’inizio sembrerà difficile riuscire a compattarla, ma dopo un po’ la pasta prenderà consistenza e si staccherà dalle mani pur rimanendo morbida,. Se proprio serve, è possibile aggiungere un paio di cucchiai di farina, ma non di più.

Ecco come si presenta l’interno:

Ed ecco le brioche farcite con gelato al cioccolato, panna e salsa al cioccolato:

oppure con gelato fiordilatte e salsa alle amarene:

Sono buonissime anche fredde o appena riscaldate. Possono essere congelate già cotte.

Allora, provatele!!!

Salva

Lascia il tuo commento

La tua email non sarà pubblicata o condivisa.
I campi obbligatori sono contrassegnati da *