Navigation Menu+

Torta di Natale con crema chibouste alla vaniglia e cremoso alla nocciola

Posted by

Ingredienti

Pasta frolla

200 gr farina (*)
50 gr fecola di patate (*)
2 tuorli di uova medie (35-40 gr)
100 gr zucchero
125 gr burro
1 cucc.no estratto di vaniglia
1 pizzico di sale

Un pezzetto di burro per la pirofila

 (*) Per la versione senza glutine, in sostituzione della farina e della fecola, utilizzare 250 gr di mix di farine gluten free, che contiene già abbastanza amidi

Crema chibouste

  • Crema pasticcera da 250 ml latte e 2 tuorli
    • 2 tuorli
    • 50 gr zucchero
    • 20 amido di mais (oppure amido di mais e amido di riso in parti uguali)
    • 250 ml latte intero
    • 2 cucchiai di estratto di vaniglia
  • 6 gr gelatina in fogli
  • Meringa italiana da 75 gr di albumi (io ho utilizzato gli albumi delle 2 uova)
    • 75 gr albumi
    • 125 gr zucchero
    • 25 gr acqua

Cremoso alla nocciola

250 ml panna fresca (o latte intero e panna in parti uguali (*))
40 gr zucchero semolato
45 gr tuorli (circa 3 tuorli)
45 gr pasta di nocciole
2 gr gelatina in fogli

(*) Se si utilizza solo latte aggiungere 2 gr di gelatina in fogli

Crumble di nocciole caramellate

60 gr zucchero semolato
60 gr nocciole tostate

Glassa a specchio

130 ml panna fresca
200 gr zucchero semolato
150 ml acqua
80 gr cacao amaro
8 gr gelatina in fogli

Decorazione

100 gr cioccolato fondente
Una pallina di pasta di zucchero rossa per il naso
Una pallina di pasta di zucchero bianca per glio cchi

Attrezzatura

Stampo di silicone a uovo da 20 cm di diametro
Anello d’acciaio da 22 cm diametro
Vassoio da forno per cuocere la frolla
Piccola pirofila o stampo per appoggiare la torta durante la colata di glassa
Vassoio per raccogliere la glassa in eccesso
Gratella per dolci
Robot da cucina con frusta “foglia” o lama oppure spatola di metallo
Carta da forno
Termometro
Mixer ad immersione

Procedimento

Pasta frolla

Per ottenere una pasta frolla friabile è fondamentale utilizzare uova e burro freddi, appena tolti dal frigorifero, e limitare al minimo  indispensabile il contatto con le mani.
Procedimento con robot e foglia (frusta K)
Setacciare le farine, il sale e la vaniglia, versare nella ciotola del robot e montare la foglia. Aggiungere il burro freddo a pezzetti e azionare il robot a velocità 2, fino a rendere il composto sabbioso (circa 1 minuto).
Unire lo zucchero e dare qualche giro per mescolarlo, aggiungere i tuorli d’uovo sbattuti e, eventualmente, la buccia di limone; mescolare, sempre a bassa velocità, fino a raccogliere l’impasto (qualche minuto).
Togliere la frusta e, sempre nella ciotola, raccogliere l’impasto premendolo con le mani; versarlo sulla spianatoia, formare un panetto, schiacciarlo fino a fargli assumere una forma rotonda che faciliterà la successiva stesura, avvolgerlo nella pellicola e riporlo in frigorifero per almeno 2 ore (ma può rimanere anche un giorno intero).

Procedimento a mano

Disporre la farina con la fecola, il sale, la vaniglia e il burro sul piano di lavoro e sbriciolarli con una spatola di metallo (o un coltello) in modo da ottenere un composto sabbioso. Unire lo zucchero e mescolare velocemente; aggiungere i tuorli e, eventualmente, la buccia di limone; mescolare dapprima con la spatola e poi con le mani, cercando di compattare la pasta velocemente, senza impastare.
Formare un panetto, schiacciarlo fino a fargli assumere una forma rotonda che faciliterà la successiva stesura, avvolgerlo nella pellicola e riporlo in frigorifero per almeno 2 ore (ma può rimanere anche un giorno intero).

Una volta estratta dal frigo, la pasta frolla si presenterà molto dura: per poterla stendere agevolmente è necessario disporla su un piano ben infarinato, attendere qualche minuto perché si ambienti e poi premerla con il mattarello per farla ammorbidire un po’ (è importante non cedere alla tentazione di lavorarla con le mani!!).
Stendere la pasta su un foglio di carta da forno, con passate veloci e leggere, ruotandola continuamente e compattandola premendola dai i bordi (che tendono a sfrangiarsi) verso l’interno e utilizzando la farina per non farla attaccare al piano di lavoro. Utilizzare due bacchette da 5 mm di spessore per ottenere una sfoglia uniforme, oppure regolarsi ad occhio.
Spostare la frolla con la carta da forno su un vassoio da cottura e ritagliare il disco on l’anello d’acciaio.
Forare bene il fondo con i rebbi di una forchetta.
Riporre in frigorifero per almeno un’ora in modo che non perda la forma durante la cottura.

Cottura

Cuocere per 20 minuti a 160°C (ma come sempre, basatevi sul vostro forno). Far raffreddare.

Crema chibouste

Mettere a bagno la gelatina in acqua fredda per circa 10 minuti o fino a quando sarà morbida.

Portare il latte all’ebollizione con la vaniglia. Spegnere e far riposare. Nel frattempo, in un tegame dal fondo spesso posto su una fiamma bassissima protetta da un frangi fiamma, montare con una frusta i tuorli delle uova con lo zucchero fino a farli diventare bianchi e spumosi, aggiungere la maizena un po’ per volta e, infine, aggiungere il latte versandolo a filo, sempre mescolando con la frusta. Portare a cottura e spegnere.
Versare in un recipiente basso e largo precedentemente raffreddato nel congelatore, mescolare e aggiungere la gelatina strizzata. Mescolare bene fino ad intiepidire e riporre in frigorifero per il tempo necessario a farla raffreddare.

Meringa italiana

Montare gli albumi nel robot (**) e, nel frattempo, mettere l’acqua con lo zucchero in una casseruola d’acciaio; cuocere a fiamma vivace fino al raggiungimento di una temperatura compresa tra i 115°C e i 120°C (circa 3 minuti).

Versare lo sciroppo di zucchero a filo sugli albumi dopo aver ridotto la v0elocità delle fruste al minimo e facendo bene attenzione a non far andare lo zucchero sulle pareti della ciotola o sulle fruste.
Aumentare nuovamente la velocità e montare fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso; quindi ridurre un po’ la velocità e continuare a montare fino ad intiepidirla.
Verificare che la crema e la meringa siano a temperatura ambiente e unirle mescolando una piccola dose di meringa alla panna, mescolando con delicatezza dal basso verso l’alto utilizzando una spatola o, meglio, una frusta (senza frustare, però :)), sempre molto delicatamente.
Ripetere l’operazione altre due volte e poi mescolare tutto, sempre molto delicatamente. 

Versare la crema nello stampo in modo da riempirlo fino a 2/3 della sua capienza e riporlo nel congelatore per far rassodare.

Nota

(**) Se dovete realizzare la meringa con dosi inferiori e, come me, avete un robot con una ciotola molto grande, rischiate di disperdere lo zucchero mentre lo versate. Io, in questi casi, utilizzo la ciotola del robot con un mixer a immersione con frusta, che posso direzionare facendo in modo che lo zucchero vada esattamente sulla massa montata. Quando lo zucchero è ben amalgamato, sistemo la ciotola sul robot con la sua frusta e avvio il motore per terminare il procedimento come descritto sopra.

meringa italiana 001

torta-diplomatica-crema-chibouste-marmellata-2016-10-23_009

torta-diplomatica-crema-chibouste-marmellata-2016-10-23_010

torta-diplomatica-crema-chibouste-marmellata-2016-10-23_011

torta-diplomatica-crema-chibouste-marmellata-2016-10-23_012

Cremoso alla nocciola

Mettere a bagno la gelatina in acqua fredda per circa 10 minuti o fino a quando sarà morbida.
Il cremoso è una preparazione a base di crema inglese alla quale viene aggiunto un aroma e un po’ di gelatina per tenere la crema in forma.
Mettere la gelatina a bagno in acqua fredda
Per la crema inglese, scaldare la panna (o latte e/o panna) al limite del bollore.
In una casseruola mescolare i tuorli con lo zucchero, versare il latte caldo e mescolando bene senza incorporare aria, cuocere su fiamma molto bassa fino ad addensare, sempre mescolando. La crema sarà pronta quando avrà raggiunto gli 82°C oppure, in assenza di un termometro, quando, immergendovi un cucchiaio, ne uscirà velato. Allontanare dal fuoco e aggiungere la pasta di nocciole, mescolando con una frusta; aggiungere anche la gelatina scolata e strizzata. Mescolare bene e fare intiepidire.

Crumble di nocciole caramellate

Mettere le nocciole tostate con lo zucchero in una casseruola e far caramellare a fuoco medio. Versare su un ripiano di marmo o su un foglio di carta da forno e far raffreddare. Tritare grossolanamente con coltello o con un mixer, quindi versare il crumble sullo strato di crema chibouste all’interno dell’anello d’acciaio più piccolo, in modo da non farle andare sul bordo esterno.

Togliere l’anello delicatamente e versarvi il cremoso alla nocciola ormai freddo.

Riporre nel congelatore fino al momento di decorare con la glassa a specchio.

Glassa a specchio

Mettere a bagno la gelatina in acqua fredda per circa 10 minuti o fino a quando sarà morbida.
Mescolare cacao e zucchero, Mescolare panna e acqua e unirvi le polveri. Cuocere su fiamma moderata portando il composto alla temperatura di 103°C (oppure, in assenza di un termometro, portare ad ebollizione e mantenerla per un paio di minuti). Far raffreddare fino alla temperatura di 60 °C e aggiungere la gelatina strizzata; mescolare bene con un mixer ad immersione cercando di non incorporare aria; filtrare e attendere che la glassa raggiunga la temperatura di 35° C.

Rivestire la piccola pirofila con della carta forno e appoggiarla sulla gratella a sua volta appoggiata su un vassoio. Questo consentirà di colare la glassa sul dolce e raccogliere quella in eccesso che potrà essere riutilizzata in altro modo.

Appoggiarvi la torta congelata, come mostrato nelle fotografie.

Versare la glassa prima sui bordi in modo da ricoprirli bene, e poi sulla superficie.
Spostare la torta sul disco di frolla disposto sul piatto da portata e
Conservare la torta in frigorifero fino al momento di servirla.
Se desiderate, potete preparare la torta senza glassa in anticipo e conservarla nel congelatore; 8 ore prima di servirla, preparate la glassa, decorate e conservate in frigorifero fino al momento di servire.

Corna dell’alce, naso e occhi

Preparare il disegno su carta da forno (sul rovescio, in modo da non colare il cioccolato sulla matita); quindi fondere il cioccolato e formare le corna con una sac-a-poche o con un cornetto di carta da forno.

Inserire degli spiedini che aiuteranno le corna a sorreggersi. Far rapprendere.

Preparare anche la pallina di pasta di zucchero per il naso, infilata su uno stuzzicadenti; gli occhi con la pasta di zucchero bianca con un puntino di cioccolato fuso per la pupilla.

Conservare le decorazioni fino al momento di servire.

Servizio

Poco prima di servire, estrarre la torta dal frigorifero, praticare dei segni con i rebbi della forchetta a simulare il pelo dell’alce; disporre gli occhi, il naso e le corna, facendole affondare abbastanza da tenere l’equilibrio (si tratta di una torta molto morbida e quindi le corna sono instabili)

       

2 Comments

  1. really i appreciate you made and guide properly regarding drum cakes now i want to try this recipe pictures also looking very awesome

    • I’m happy you like it!

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google"). Google Analytics utilizza dei "cookies", che sono file di testo che vengono depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web da parte Vostra (compreso il Vostro indirizzo IP) verranno trasmesse a, e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non assocerà il vostro indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google. Potete rifiutarvi di usare i cookies selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser. Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità e i fini sopraindicati. Inoltre questo sito utilizza Google Adsense come sistema di pubblicità per supportare le spese di manutenzione. Google Adsense è un servizio fornito da Google Inc. e utilizza cookie per pubblicare annunci sulla base delle precedenti visite dell'utente al nostro sito web. Google Adsense utilizza anche cookie DART per consentire a Google e ai suoi partner di pubblicare annunci in base alle visite di questo sito e di altri siti Internet. Per saperne di più e per disattivare tali cookie per gli annunci pubblicitari potete visitare la pagina per la disattivazione delle pubblicità di Google oppure potete visitare http://www.aboutads.info/choices/ per disattivare le pubblicità di Google e di altri fornitori. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi