Crostata con crema pasticcera e gelée di fragole no glutine

Oggi vi lascio una crostata che ho preparato per la colazione in ufficio 🙂

Si tratta di una crostata semplice ma molto buona, dall’intenso gusto di fragole, che per l’occasione ho preparato evitando il glutine.

Ho realizzato la pasta frolla classica con 4/5 di composto di farine Coop della linea “Bene sì” (no glutine) e 1/5 di farina di mandorle; per la crema pasticcera ho utilizzato solo maizena.

Crostata con crema e gelée di fragole (6)

Ingredienti

Pasta frolla

200 gr farina
50 gr farina di mandorle
2 tuorli
100 gr zucchero
125 gr burro
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale

In questo caso io ho utilizzato il preparato per pane, pizze e dolci della Coop, linea “Bene sì” al posto della farina

Crema pasticcera

4 tuorli
80 gr zucchero
40 gr di farina (*)
500 ml latte intero
buccia di due limoni
un pezzetto di burro (facoltativo)

Note

(*) Sostituendo la farina con parti uguali di amido di mais e amido di riso o anche solo amido di mais si ottiene un gusto meno marcato di farina

In questo caso io ho utilizzato solo maizena.

 

Gelée alle fragole

500 gr di fragole
100 gr di zucchero
8gr di colla di pesce

 

Attrezzatura

Stampo antiaderente con bordo sganciabile da 26 cm

Procedimento

Crostata

Setacciare la farina con le mandorle, il sale e la vanillina, versare nella ciotola del robot e montare la foglia. Aggiungere il burro freddo a pezzetti e azionare il robot a velocità 2, fino a rendere il composto sabbioso (circa 1 minuto).
Unire lo zucchero e dare qualche giro per mescolarlo, aggiungere i tuorli d’uovo sbattuti e, eventualmente, la buccia di limone; mescolare, sempre a bassa velocità, fino a raccogliere l’impasto (qualche minuto).
Togliere la frusta e, sempre nella ciotola, raccogliere l’impasto premendolo con le mani; versarlo sulla spianatoia, avvolgerlo in una pellicola e riporlo in frigorifero per almeno 2 ore (ma può rimanere anche un giorno intero). Ulteriori dettagli sulla ricetta della Pasta frolla classica

Stendere la frolla  (5 mm) sul fondo dello stampo e sui bordi. Per far aderire meglio il bordo, inumidire leggermente l’anello prima di rivestirlo.
Forare bene il fondo con una forchetta e riporre nel frigorifero per 2 ore (o, nel congelatore per un’ora), in modo che non perda la forma durante la cottura.

Cuocere per 20 minuti a 160°C (ma come sempre, basatevi sul vostro forno). Far raffreddare nello stampo.

Gelée alle fragole

Mettere la colla di pesce a bagno in acqua fredda.
Lavare le fragole e frullarle; aggiungere lo zucchero e cuocere per una dieci minuti a fiamma sostenuta. Spegnere e aggiungere la colla di pesce strizzata; mescolare bene e far raffreddare. Al momento dell’utilizzo deve essere abbastanza fredda e rappresa ma non del tutto solida. Se necessario, scaldarla qualche secondo nel microonde e attendere nuovamente la consistenza adatta. Due terzi serviranno per farcire la torta e un terzo per decorare la superficie.

 

Crema pasticcera

Portare il latte all’ebollizione con la buccia di limone (solo la parte gialla), Spegnere e far riposare. Nel frattempo, in un tegame dal fondo spesso posto su una fiamma bassissima protetta da un frangifiamma, montare con una frusta i tuorli delle uova con lo zucchero fino a farli diventare bianchi e spumosi, aggiungere la maizena un po’ per volta e, infine, aggiungere il latte versandolo a filo, sempre mescolando con la frusta. Portare a cottura e spegnere. Aggiungere il pezzetto di burro e mescolare. Versare in un recipiente basso e largo e, dopo qualche minuto, coprire con pellicola alimentare facendo in modo che aderisca alla crema, e riporre in frigorifero. In alternativa, porre il tegame in un bagno di acqua e ghiaccio.

Per maggiori dettagli e fotografie, visitare la pagina con la ricetta completa della crema pasticcera

 

Assemblaggio

Versare la crema pasticcera ben fredda nella base di frolla; livellare bene e versare la gelée di fragole. Riporre in frigorifero.

Crostata con crema e gelée di fragole (10)

Decorare a piacere.

Io ho preparato una decorazione di pasta frolla con due anelli di acciaio, l’ho cotta insieme alla crostata e, una volta fredda, l’ho ricperta con lo zucchero al velo. Dopo aver fatto riposare la crostata in frigorifero per almeno due ore, ho appoggiato la decorazione sulla gelée e ho completato con tre fragole e delle palline di cioccolato fondente distribuite con la sac-a-poche.

Crostata con crema e gelée di fragole (3)

Crostata con crema e gelée di fragole (5)

 

Crostata con crema e gelée di fragole (7)

Crostata con crema e gelée di fragole (4)

 

Alla prossima!!!

Laura

 

Lascia il tuo commento

La tua email non sarà pubblicata o condivisa.
I campi obbligatori sono contrassegnati da *